Studio delle Problematiche ed Evoluzione dello Streaming Adattivo su HTTP

Biagini, Giulio (2018) Studio delle Problematiche ed Evoluzione dello Streaming Adattivo su HTTP. [Laurea magistrale], Università di Bologna, Corso di Studio in Informatica [LM-DM270]
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Thesis)
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0

Download (4MB)

Abstract

Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un notevole aumento del traffico dati mobile, trend confermato anche per il futuro, generato in gran parte da dispositivi smart e perlopiù legato alla metodica di accesso e scambio dati nota con il nome di video streaming. Si stima infatti che circa l'80% della bandwidth mobile mondiale nel 2021 sarà utilizzata per lo scambio di dati audio/video. Risulta dunque di fondamentale importanza per i provider di rete e dei servizi di video streaming, soprattutto quelli forniti on-demand, cercare di comprendere quali sono i parametri che maggiormente influenzano la cosiddetta QoE - Quality of Experience sperimentata dagli utenti finali, in modo da garantire loro il miglior servizio possibile (QoS - Quality of Service), mantenendo comunque alti i profitti. Nell'ambito delle applicazioni e servizi di video streaming, in particolare, la qualità percepita dagli utenti finali risulta fortemente influenzata da diversi effetti di degradazione che possono verificarsi a causa di cattive condizioni di rete, soprattutto nello specifico ambito della mobilità. Da questi studi risulta come, ad esempio, gli utenti preferiscono sperimentare effetti di degradazione temporale durante la riproduzione di contenui multimediali piuttosto che effetti di degradazione della qualità, risultati da cui derivano scelte implementative quali, ad esempio, l'utilizzo del protocollo TCP e la nascita del cosiddetto HTTP-based adaptive streaming, ovvero quella tecnica che permette di adattare la qualità dei segmenti scaricati in base al throughput, in modo da minimizzare il numero di interruzioni del servizio e massimizzare, al contempo, la qualità del media in download. Dopo una rapida analisi delle principali tecnologie oggi utilizzate, si evince come vi sia la necessità di definire un unico formato per il manifest e per la struttura dei segmenti. Si arriva così alla definizione dello standard MPEG-DASH con le proprie euristiche di adattamento.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di laurea (Laurea magistrale)
Autore della tesi
Biagini, Giulio
Relatore della tesi
Scuola
Corso di studio
Indirizzo
Curriculum C: Sistemi e reti
Ordinamento Cds
DM270
Parole chiave
HTTP,Streaming,Video Streaming,Adaptive Video Streaming,Quality of Experience,Quality of Service,QoE,QoS,MPEG-DASH,DASH,FDASH,BOLA,Euristiche di Adattamento,Algoritmi di Adattamento,Recency Effect,IQX Hypothesis,WQL Hypothesis,Traffico Mobile,Traffico Dati Mobile,HTTP-based Video Streaming,Video Streaming HTTP,Effetti di Degradazione Temporale,Degradazione Temporale,Stalli,Pause Intermedie,Ritardi Iniziali,Pattern di Stallo,Microsoft Smooth Streaming,Smooth Streaming,Apple HLS,Apple HTTP Live Streaming,HTTP Live Streaming,Adobe HDS,Adobe HTTP Dynamic Streaming,HTTP Dynamic Streaming,MPD,Segmenti
Data di discussione della Tesi
15 Marzo 2018
URI

Altri metadati

Statistica sui download

Gestione del documento: Visualizza il documento

^