Il ruolo di un atmospheric river nell'evento di precipitazione estrema dell'ottobre 2018 in Italia

Della Fera, Stefano (2019) Il ruolo di un atmospheric river nell'evento di precipitazione estrema dell'ottobre 2018 in Italia. [Laurea magistrale], Università di Bologna, Corso di Studio in Fisica del sistema terra [LM-DM270], Documento ad accesso riservato.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Thesis)
Full-text non accessibile fino al 1 Luglio 2020.
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

Download (27MB) | Contatta l'autore

Abstract

Studi recenti evidenziano una stretta correlazione esistente tra gli eventi di precipitazione estrema e la presenza di atmospheric river (AR). Si tratta di estese strutture filamentose di concentrazione anomala di vapore acqueo collocate nei primi 3 km della troposfera e legate alla formazione di un intenso low-level jet posizionato davanti al fronte freddo di un ciclone extra-tropicale. Gli effetti degli AR sulle precipitazioni sono stati ampiamente descritti in letteratura limitatamente alla West Coast americana, alle regioni lungo le coste atlantiche europee e recentemente al Giappone e all'India. Nel seguente lavoro di tesi viene individuata per la prima volta nel bacino del Mediterraneo la presenza di un AR che ha condizionato in modo determinante l'intenso evento meteorologico del 27-30 ottobre 2018 in Italia. Le simulazioni numeriche effettuate con il modello numerico meteorologico BOLAM e l'utilizzo di specifici algoritmi hanno permesso di individuare l'AR, il quale trasporta vapore acqueo dall'Atlantico sub-tropicale, attraverso il continente africano, transitando sull'Algeria fino al Mediterraneo centrale lungo una traiettoria di circa 3000 km. Inoltre, l'utilizzo di una specifica diagnostica per il calcolo del budget di acqua in atmosfera ha consentito una caratterizzazione quantitativa del ruolo dell'AR e degli altri contributi di umidità presenti sul Mediterraneo. A questo proposito, è stato valutato l'impatto dell'evaporazione dal mare sulle piogge sul Nord e Centro Italia, attraverso un confronto con i contributi di umidità trasportati da sorgenti remote. Questa analisi è stata approfondita mediante l'utilizzo di esperimenti numerici di sensibilità. Infine, è stato evidenziato il possibile impatto dell'AR sulla ciclogenesi esplosiva osservata sul Mediterraneo, che ha caratterizzato la seconda fase dell'evento.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di laurea (Laurea magistrale)
Autore della tesi
Della Fera, Stefano
Relatore della tesi
Correlatore della tesi
Scuola
Corso di studio
Ordinamento Cds
DM270
Parole chiave
atmospheric river,low-level jet,ciclone extra-tropicale,flusso di vapore,trasporto di vapore,vapore acqueo integrato,precipitazione estrema,Mediterraneo,ottobre 2018,modelli numerici meteorologici,esperimenti di sensibilità,sorgenti remote di vapore acqueo,evaporazione,ciclogenesi esplosiva
Data di discussione della Tesi
26 Settembre 2019
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza il documento

^