Il BIM per la sicurezza: Solibri model checker e Revit per il controllo dei rischi geometrici in cantiere

Cavallero, Lucia (2019) Il BIM per la sicurezza: Solibri model checker e Revit per il controllo dei rischi geometrici in cantiere. [Laurea specialistica a ciclo unico], Università di Bologna, Corso di Studio in Ingegneria edile/ architettura [TU-DM509]
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Thesis)
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

Download (8MB)
[img] Documento PDF (Supplementary file)
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

Download (2MB)

Abstract

In questo elaborato ho voluto approfondite la tematica dell’organizzazione della sicurezza in cantiere attraverso la metodologia di progettazione BIM. Il BIM sta prendendo sempre più piede sia all’estero che in Italia ma spesso viene usato per progettare costruzioni intesi come edifici. Obbiettivo dell’elaborato è di espandere “lo stile di pensiero” BIM alle fasi cantieristiche che precedono la costruzione dell’edificio. Questa possibilità viene offerta, e qui approfondita, da Solibri Model Checker. Dopo un’introduzione per capire cosa si intenda quando parliamo di BIM e un successivo inquadramento normativo; ho scelto di esporre un esempio concreto, pertanto il primo passo è stato selezionare il caso di studio a cui applicare la ricerca. Usando Autodesk Revit, ho sviluppato non solo il modello dell’edificio ma anche il modello 3D del cantiere e delle diverse fasi prese come esempio (fase di allestimento del cantiere, di scavo, getto delle fondazioni e costruzione delle murature) per avere un modello completamente parametrizzato. In accordo, poi, con Harpaceas, casa di distribuzione in Italia di Solibri, è stata approfondita la conoscenza del Software per ricercarne una metodologia che si avvalga del Code Checking non solo per l’edificio, ragione per cui nasce il software, ma anche le interferenze e le problematiche inerenti alle fasi costruttive, macchine, attrezzi e rischi riguardanti il cantiere. Alla base di questa scelta c’è la volontà di applicare il pensiero BIM fin dalle fasi preliminari del progetto in ossequio ai disposti normativi in materia di sicurezza; per avere un controllo completo dei rischi e delle problematiche non solo della costruzione ma anche l’ambiente che la circonda. Grazie a questo lavoro di ricerca è stato reso possibile analizzare alcuni fattori importanti dell’organizzazione del cantiere attraverso un modello di pensiero innovativo e all’avanguardia.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di laurea (Laurea specialistica a ciclo unico)
Autore della tesi
Cavallero, Lucia
Relatore della tesi
Correlatore della tesi
Scuola
Corso di studio
Ordinamento Cds
DM509
Parole chiave
BIM,Buildin Information Modeling,Solibri,Solibri model checker,SMC,Harpaceas,Revit,Autodesk,modello parametrizzato,cantiere,organizzazione del cantiere,sicurezza,rischi geometrici,controllo,code checking,clash detection,rule set,regole,parametri,ingegneria,ingegneria edile,architettura,modello 3d,edificio,BIM Handbook,plastbau,dpi,allestimento del cantiere,monitoraggio
Data di discussione della Tesi
15 Marzo 2019
URI

Altri metadati

Statistica sui download

Gestione del documento: Visualizza il documento

^