Studio di materiali polimerici a barriera migliorata per il food packaging

Gasparini, Claudio (2018) Studio di materiali polimerici a barriera migliorata per il food packaging. [Laurea magistrale], Università di Bologna, Corso di Studio in Chimica industriale [LM-DM270], Documento ad accesso riservato.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Thesis)
Full-text non accessibile fino al 1 Settembre 2021.
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0

Download (3MB) | Contatta l'autore

Abstract

Il mercato del food packaging è molto importante a livello mondiale e muove ogni anno centinaia di migliaia di dollari. La principale sfida che ci si pone è quella di creare un imballaggio a basso costo, che sia inerte nei confronti del prodotto alimentare, facilmente riciclabile e capace di preservare a lungo le caratteristiche organolettiche del prodotto in esso contenuto. A tal fine occorre prestare particolare attenzione all’impermeabilità del materiale nei confronti dell’ossigeno, in quanto l’ossidazione è tra le principali cause che portano il cibo ad alterazioni indesiderate di gusto, odore o aspetto. Per quanto riguarda i prodotti polimerici, la soluzione principalmente adottata e la più performante è la produzione di imballaggi multistrato, in cui uno dei componenti è un polimero ad elevata barriera all’ossigeno. Questi prodotti sono però abbastanza costosi se rapportati ai monostrato, oltre a impedire alcune scelte di design e sigillatura richieste dai consumatori. La miscelazione in matrici organiche semplici (polipropilene e polietilene) di additivi in grado di diminuirne la permeabilità ai gas potrebbe rappresentare la soluzione ideale nei casi in cui l’utilizzo del solo polimero non assicuri una conservazione abbastanza lunga al prodotto, ma utilizzare un multistrato risulterebbe troppo costoso e non necessario. A tal fine sono stati formati film di materiale polimerico contenenti additivi selezionati in base a costo, efficacia e food compliance. Alcuni additivi hanno migliorato in maniera sensibile l’impermeabilità della matrice nei confronti dell’ossigeno, portando a ipotizzare un ulteriore miglioramento di questo effetto una volta ottimizzato il processo. Studi futuri permetteranno di capire quanto questi materiali migliorino effettivamente la durata degli alimenti in essi contenuti, al fine di comprendere quanto essi possano, in futuro, diventare un’alternativa valida alle attuali soluzioni utilizzate nel settore.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di laurea (Laurea magistrale)
Autore della tesi
Gasparini, Claudio
Relatore della tesi
Correlatore della tesi
Scuola
Corso di studio
Ordinamento Cds
DM270
Parole chiave
food packaging polietilene polipropilene barriera all'ossigeno shelf life
Data di discussione della Tesi
22 Marzo 2018
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza il documento

^