Modelli di analisi per l'integrazione multisensoriale

Poma, Sofia (2016) Modelli di analisi per l'integrazione multisensoriale. [Laurea], Università di Bologna, Corso di Studio in Ingegneria biomedica [L-DM270] - Cesena
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Thesis)
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

Download (1MB)

Abstract

La percezione unitaria della realtà è il risultato di un complesso processo d’integrazione delle informazioni provenienti dai differenti canali sensoriali. La capacità del sistema nervoso centrale di utilizzare sinergicamente queste molteplici sorgenti sensoriali è definita Integrazione Multisensoriale (Stein & Meredith, 1993). A causa della sua importanza sul comportamento, lo studio dei processi che la regolano è da tempo riconosciuto come un aspetto cruciale nell'ambito delle neuroscienze. Da questo punto di vista, un importante contributo può venire dallo confronto tra soggetti sani e soggetti con deficit cerebrali, al fine di chiarire quali aree cerebrali sono coinvolte, e per poter quindi far luce sui meccanismi neurali sottostanti. Un metodo utile di indagine sui fenomeni di interazione multisensoriale sfrutta le illusioni sensoriali, ovvero quelle situazioni in cui due stimoli di natura sensoriale differente vengono presentati più o meno in contemporanea, creando una falsa interpretazione dell'oggetto o dell'evento da cui provengono tali stimoli. Il presente lavoro esamina due forme di integrazione. La sound-induced flash illusion analizza l'integrazione audio-visiva (Shams et al., 2002): quando un singolo flash è accompagnato da molteplici segnali acustici (beep), il singolo flash è percepito come multiplo. L'aspetto interessante di questa illusione è che è stata riscontrata anche in soggetti patologici affetti da autismo (van der Smagt et al., 2007). Un secondo interessante fenomeno è quello delle body ownership illusions (BOIs), utili per indagare patologie quali la somatoparafrenia, in quanto i soggetti percepiscono oggetti non corporei come appartenenti al proprio corpo. I risultati raccolti hanno permesso la formulazione di alcuni modelli computazionali che possono essere testati con i dati esistenti. Il presente elaborato fa una panoramica sui modelli bayesiani, l'elettroencefalografia e, infine, le reti neurali, illustrando i risultati raggiunti.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di laurea (Laurea)
Autore della tesi
Poma, Sofia
Relatore della tesi
Scuola
Corso di studio
Ordinamento Cds
DM270
Parole chiave
integrazione multisensoriale,autismo,sound-induced flash illusion,Body Ownership Illusions,modelli bayesiani,EEG,Reti Neurali
Data di discussione della Tesi
15 Dicembre 2016
URI

Altri metadati

Statistica sui download

Gestione del documento: Visualizza il documento

^