Studio della reazione di chetonizzazione di acidi carbossilici in fase gas

Bellotti, Luca (2017) Studio della reazione di chetonizzazione di acidi carbossilici in fase gas. [Laurea magistrale], Università di Bologna, Corso di Studio in Chimica industriale [LM-DM270], Documento ad accesso riservato.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Thesis)
Full-text non accessibile fino al 9 Ottobre 2020.
Disponibile con Licenza: Salvo eventuali più ampie autorizzazioni dell'autore, la tesi può essere liberamente consultata e può essere effettuato il salvataggio e la stampa di una copia per fini strettamente personali di studio, di ricerca e di insegnamento, con espresso divieto di qualunque utilizzo direttamente o indirettamente commerciale. Ogni altro diritto sul materiale è riservato

Download (2MB) | Contatta l'autore

Abstract

Negli ultimi anni la ricerca di materie prime alternative a quelle di origine fossile ha assunto primaria importanza per l’industria chimica. Una classe di composti ottenibili da fonti rinnovabili sono gli acidi organici, per fermentazione di zuccheri o mediante fast pyrolisis di biomasse ligno-cellulosiche. Il bio-olio derivante da quest’ultimo processo, a causa della presenza degli acidi, richiede ulteriori lavorazioni per ridurne la corrosività ed aumentarne il potere calorifico. La chetonizzazione, reazione di condensazione di due molecole di acido a dare un chetone, una molecola di anidride carbonica e una di acqua, può consentire di rimuovere gli acidi carbossilici dal bio-olio trasformandoli in molecole, i chetoni, più adatte all’utilizzo come carburanti. Tale reazione è già impiegata commercialmente per la sintesi del 3-pentanone in fase gas e con catalisi eterogenea. In questo lavoro di tesi la chetonizzazione dell’acido propionico è stata studiata in fase gas su ossidi di alluminio, lantanio, zirconio e silicio e fosfati di alluminio, lantanio e zirconio. In questo modo è stato possibile valutare l’effetto dell’introduzione del fosforo in tali materiali. È stato dimostrato che i catalizzatori più attivi e selettivi sono gli ossidi metallici con caratteristiche anfotere. La reazione sui fosfati è stata studiata al variare della temperatura. Sul fosfato di alluminio si è eseguito uno studio di chetonizzazione incrociata con acido acetico e acido propionico: i risultati mostrano che il prodotto maggioritario è quello derivante dalla chetonizzazione incrociata (2-butanone).

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di laurea (Laurea magistrale)
Autore della tesi
Bellotti, Luca
Relatore della tesi
Correlatore della tesi
Scuola
Corso di studio
Ordinamento Cds
DM270
Parole chiave
chetonizzazione catalisi eterogenea acido propionico 3-pentanone
Data di discussione della Tesi
9 Ottobre 2017
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza il documento

^