Modellazione numerica del sottosuolo relativa al disastro ambientale di Bussi sul Tirino.

Lerro, Michele (2017) Modellazione numerica del sottosuolo relativa al disastro ambientale di Bussi sul Tirino. [Laurea magistrale], Università di Bologna, Corso di Studio in Geologia e territorio [LM-DM270], Documento ad accesso riservato.
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Thesis)
Full-text non accessibile fino al 17 Marzo 2019.
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

Download (10MB) | Contatta l'autore

Abstract

L’elaborato si occupa del disastro ambientale avvenuto nella seconda metà del ‘900 in Località Bussi sul Tirino, in provincia di Pescara, in seguito all’apertura abusiva della discarica Tre Monti, nella quale sono stati sversati contaminanti, tra cui idrocarburi clorurati. La discarica si trova a monte del Campo Pozzi di Colle Sant’Angelo, destinato ad uso potabile. Entrambi i siti sono situati nella valle del fiume Pescara, inserita all’interno delle Gole di Popoli. Dopo aver inquadrato l’area di studio da un punto di vista geografico, climatico, geologico, geomorfologico ed idrogeologico, si è proceduto ad elaborare un modello concettuale del sistema naturale, per poi trasferirlo in un modello numerico tramite Visual Modflow 4.6 ©. Si è esaminata la stratigrafia della valle del Fiume Pescara, è stata stimata la diluizione, l’emungimento nel tempo del campo pozzi, la ricarica ed il contributo del fiume Pescara al sistema. È stato implementato un modello di flusso, calibrato sulla base di una piezometria elaborata nel 2012. Successivamente, si è simulato il trasporto di tetracloroetilene, sostanza maggiormente rilevata nelle indagini, osservandone l’evoluzione nel tempo, che va dal 1963, anno in cui è stata aperta la discarica, al 2012, anno in cui è disponibile il primo rilevamento di concentrazione del PCE, pari a circa 5 µg/L presso il campo pozzi, ben oltre alla CSC fissata a 1,1 µg/L (D.lgs. 152/06). Pertanto, mediante l’implementazione di un modello di trasporto, si è stimato che per giustificare una tale concentrazione, la discarica debba aver sversato del tetracloroetilene nella quantità di 800 µg/L, che ha contaminato prevalentemente il travertino, per un periodo di 49 anni. Osservando l’incremento della contaminazione nel tempo, si è stabilito che il campo pozzi è stato interessato in modo significativo a partire dagli anni ’70 e si presume che la maggioranza della popolazione della città di Pescara sia stata soggetta all’azione nociva del PCE.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di laurea (Laurea magistrale)
Autore della tesi
Lerro, Michele
Relatore della tesi
Correlatore della tesi
Scuola
Corso di studio
Indirizzo
Curriculum A: Rischio idrogeologico
Ordinamento Cds
DM270
Parole chiave
disastro ambientale,Bussi sul Tirino,modellazione numerica
Data di discussione della Tesi
16 Marzo 2017
URI

Altri metadati

Gestione del documento: Visualizza il documento

^