MecWilly 3D: supporto all’orientamento topografico nei bambini in età scolare attraverso un serious game per la raccolta differenziata

Corradin, Matteo (2017) MecWilly 3D: supporto all’orientamento topografico nei bambini in età scolare attraverso un serious game per la raccolta differenziata. [Laurea magistrale], Università di Bologna, Corso di Studio in Ingegneria e scienze informatiche [LM-DM270] - Cesena
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Thesis)
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

Download (14MB)

Abstract

I robot e gli applicativi per smartphone e tablet assumono un ruolo sempre più attivo a supporto dello sviluppo e potenziamento delle abilità nei bambini. A partire dagli ultimi anni della scuola dell'infanzia (4-5 anni) una delle abilità più importanti che affrontano i bambini è l'orientamento topografico, con particolare riferimento alla relatività delle posizioni (destra e sinistra) degli oggetti rispetto ad un determinato punto. L'utilizzo delle ICT e della robotica, associate al conflitto socio-cognitivo offrono molteplici soluzioni per supportare al meglio l'acquisizione e il potenziamento di tali abilità di orientamento spaziale a partire già dai 5 anni. In questo contesto entra in gioco MecWilly, il quale funge da mezzo scatenante di questo processo. MecWilly è un robot umanoide alto 1 metro e 20 cm, realizzato con materiali economici e di recupero, grazie alla collaborazione con il Dipartimento di Psicologia dell'Università di Bologna e il Comune di Rimini. Il robot MecWilly viene utilizzato per studiare il conflitto socio-cognitivo nei bambini in età pre-scolare e scolare. L'obiettivo di questa tesi è realizzare una applicazione 3D che ha la finalità di sviluppare e migliorare le abilità nell'orientamento topografico (mappe) e nell'orientamento spaziale (contesto) dei bambini della scuola primaria. L’applicazione 3D, che riproduce fedelmente l’esperimento originale, offre la possibilità di poter mettere a confronto l’efficacia dell’applicazione utilizzata su tablet con quella in ambiente reale, in quanto il bambino è posizionato frontalmente rispetto al robot e, dunque, ha lo stesso punto di vista creato nella situazione reale. Il progetto è la realizzazione di un videogioco 3D che simuli il funzionamento e le dinamiche dell'esperimento con il robot reale.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di laurea (Laurea magistrale)
Autore della tesi
Corradin, Matteo
Relatore della tesi
Scuola
Corso di studio
Ordinamento Cds
DM270
Parole chiave
Videogioco,3D,Unity,Robot,Serious game,GWAP,Edutainment
Data di discussione della Tesi
16 Marzo 2017
URI

Altri metadati

Statistica sui download

Gestione del documento: Visualizza il documento

^