Interstellar ammonia emission: unveiling the dynamics of a star-forming core

Redaelli, Elena (2016) Interstellar ammonia emission: unveiling the dynamics of a star-forming core. [Laurea magistrale], Università di Bologna, Corso di Studio in Astrofisica e cosmologia [LM-DM270]
Documenti full-text disponibili:
[img] Documento PDF (Thesis)
Disponibile con Licenza: Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0

Download (16MB)

Abstract

Questo lavoro di Tesi si occupa dello studio della regione di recente formazione stellare nota come Barnard 59. L’analisi si basa principalmente sullo studio dell'emissione molecolare di ammoniaca, che consente di determinare numerose proprietà della sorgente, quali temperatura, densità molecolare e struttura cinematica. L'approccio matematico consiste in un fit non lineare degli spettri a disposizione. Accanto a questi dati sono stati utilizzati i dati del telescopio Herschel per caratterizzare l'emissione della polvere presente nel gas, al fine di determinare le mappe di temperatura della sorgente e la densità di colonna di idrogeno molecolare. I risultati ottenuti mostrano che Barnard 59 presenta un nucleo denso e freddo, cinematicamente coerente e contraddistinto da valori nella dispersione di velocità inferiori alla velocità sonica del mezzo interstellare. In prossimità di alcuni YSOs, però, ed in particolare del più giovane tra di essi (denominato B11), le temperature sono più elevate e la dispersione di velocità aumenta. L'analisi delle mappe di queste due variabili ha consentito di investigare gli effetti di feedback protostellare. I risultati ottenuti indicano che la parte più densa e fredda di Barnard 59 è caratterizzata da bassi livelli di turbolenza e da moti esclusivamente subsonici, in accordo con l'opinione generale secondo cui i dense cores si formano per dissipazione della turbolenza supersonica che contraddistingue invece le nubi molecolari. Attorno a B11, invece, l'entità della turbolenza aumenta, come probabile conseguenza degli outflows di cui tale oggetto è sorgente. Barnard 59 appare interessato, in conclusione, da attività di formazione stellare che iniettando turbolenza ed energia disturba il gas nel mezzo interstellare. D'altra parte, lo studio dello stato dinamico della sorgente rivela che il dense core è comunque gravitazionalmente legato: gli effetti di feedback sono più che altro locali, e non ne alterano lo stato globale.

Abstract
Tipologia del documento
Tesi di laurea (Laurea magistrale)
Autore della tesi
Redaelli, Elena
Relatore della tesi
Correlatore della tesi
Scuola
Corso di studio
Ordinamento Cds
DM270
Parole chiave
Barnard 59,Molecular spectroscopy,Star formation,Ammonia emission
Data di discussione della Tesi
16 Dicembre 2016
URI

Altri metadati

Statistica sui download

Gestione del documento: Visualizza il documento

^